Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Un giorno Buddha si presentò ad una folla con un fiore in mano. Avrebbe dovuto tenenre un sermone, ma rimase in silenzio. Coloro che erano accorsi per ascoltarlo, si meravigliarono del suo atteggiamento e qualcuno chiese il motivo del suo silenzio
Buddha rispose: "Vi ho comunicato qualcosa che non si può comunicare per mezzo delle parole".
Un discepolo, che si chiamava Mahakasyapa, si mise a ridere. Buddha allora disse: "Mahakashyapa, ti dono questo fiore. Tutto ciò che poteva essere dato, tramite le parole, l'ho dato a tutti e ciò che è veramente importante, ciò che non può essere trasmessotramite le parole... lo consegno a te".
Prima edopo questo episodio non si sa nulla di Mahakasyapa: nè chi fosse, nè dove fosse nato. Le Scritture tacciono al suo riguardo. Una persona così importante a cui Buddha dice: "Io ti do tutto ciò che non può essere detto" non viene più menzionata.
Dopo millecento anni qualcuni in Cina dichiarò di essere in contatto diretto con Mahakasyapa, dicendo: "Io appartendo a Mahakasyapa, sono il suo disciepolo".
Costui era Bodhidharma. Egli nacque in India, e visse in India, ma nessuno sa nulla di lui. Improvvisamente egli apparve in Cina e disse: "Io appartengo a Mahakasyapa, l'uomo a cui Buddha diede il fiore. Ho con me quel fiore ancora fresco. Sono venuto dall'India in Cina, perchè qui vi è qualcuno a cui può essere trasmesso il fiore".
Tag(s) : #Saggi

Condividi post

Repost 0